La Legatura Elastica delle Emorroidi (LEE) AMBULATORIALE (VIDEO)

Cenni Storici:
•Tecnica introdotta da James Barron (Detroit, Michigan, USA) nel 1963 (basata su un’idea di Paul C Blaisdell, presentata alla mostra scientifica della American Medical Association del 1954).
1. Barron J. “Office ligation treatment of hemorrhoids”. Dis Colon Rectum 1963; 6: 109-13.
2. Barron J. ”Office ligation of internal hemorrhoids”. Am J Surg 1963; 105: 563-70.

Fatti:
•La chirurgia per malattia emorroidaria dovrebbe essere raccomandata solo a meno del 10% dei pazienti (Bleday R, Pena JP, Rothenberger DA, Goldberg SM, Buls JG. ”Symptomatic hemorrhoids: current incidence and complications of operative therapy”. Dis Colon Rectum 1992; 35: 477-81).
•Più del 90% di tali pazienti, pertanto, sono idonei a terapia conservativa od a trattamenti ambulatoriali interventistici ma non strettamente chirurgici, quali la LEE.

Vantaggi della LEE:
•Efficace nel trattamento di emorroidi interne sanguinanti, fino al 3° grado, inclusi piccoli prolassi mucosi [Rivadeneira DE et al, Standards Practice Task Force of The American Society of Colon & Rectal Surgeons. Practice parameters for the management of hemorrhoids (revised 2010). Dis Colon Rectum 2011; 54: 1059-64].
•La percentuale di successo complessiva è maggiore dell’80% (Iyer VS, Shrier I, Gordon PH. Long-Term outcome of rubber band ligation for symptomatic primary and recurrent internal hemorrhoids. Dis Colon Rectum 2004; 47: 1364-70).
•Sicura
•Economica
•Facile da organizzare
Semplice in mani esperte
•Procedura squisitamente ambulatoriale (in sala visita)
•Nessun decorso post-operatorio
Eseguita (attraverso un anoscopio / proctoscopio) mediante un sistema di aspirazione o mediante trazione
•Vengono applicati su ciascun gavocciolo due anelli (elastici), a più di >1 cm sopra la linea pettinata

Limitazioni della LEE:
•Rare complicanze (emorragia, infezione, trombosi emorroidaria, dolore, ritenzione urinaria, etc.)
•Recidiva ~20%
•Operatore dipendente (richiede esperienza e manualità)
•Nel corso di ogni seduta, solo una o due paia di anelli (elastici) possono essere applicati
•Le sedute possono essere ripetute solo dopo almeno 20-30 giorni
•Il trattamento completo richiede, pertanto, più sedute ed un totale di 3 o 4 mesi di cura
•Contraindicata in pazienti anticoagulati
•Contraindicata nel trattamento di emorroidi esterne (ricoperte da cute)

Cosa fare? Cosa aspettarsi?
Procedura
•Accurata diagnosi di malattia emorroidaria prima della procedura, onde escludere altre possibili coesistenti cause di rettorragia
•Procedura ambulatoriale
•Nessun bisogno di clistere o di preparazione intestinale (solitamente)
•Nessun bisogno di digiuno
•Nessun bisogno di sedazione
•Paziente in decubito laterale sinistro o posizione di Sims
•Durate media della procedura: ~5 minuti o meno

Dopo la procedura
•Si può riprendere a lavorare lo stesso giorno od il successivo (solitamente)
•Medicine indicate: lassativi ammorbidenti delle feci, antibiotici (profilassi), antidolorifici (raramente necessari)
•Solitamente, solo uno o due paia di anelli (elastici) da 11 mm possono essere applicati ad ogni seduta
•Senso di “corpo estraneo” e stimolo alla evacuazione, subito dopo la seduta e per 24-48 ore (tenesmo)
•Dopo alcuni giorni (solitamente dai 5 ai 10 giorni) il tessuto emorroidario “strangolato” e necrotizzato e gli anelli (elastici) cadono, con lieve sanguinamento